Fi, Gasparri: rilancio si costruisce tra la nostra gente come ieri

Pol/Vlm

Roma, 20 ott. (askanews) - "Come sempre Berlusconi ha una marcia in più. La sua decisione di partecipare alla manifestazione di piazza San Giovanni, con un grande apporto di elettori, militanti, esponenti di Forza Italia, è stata saggia e generosa. Il calore con cui è stato accolto, la unità del popolo che ha partecipato all'evento, simile a quella di analoghi eventi del passato, dimostrano che il nostro posto e lì, nel cuore del centrodestra che Berlusconi ha immaginato e fondato. I numeri sono cambiati e noi vogliamo e dobbiamo recuperare forza e consenso. L'avvio di questo cammino non poteva essere il divorzio dai nostri elettori. Nè il farsi dettare l'agenda da Repubblica, che sbraitava contro la presenza di Casa Pound, inesistente e irrilevante". Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri (FI).

"A San Giovanni c'era popolo libero e democratico, giovani e anziani, commercianti e impiegati, disoccupati o anziani che Grillo e Zingaretti vorrebbero prima privare del diritto di voto, poi sopprimere con l'eutanasia. Altri nel centrodestra si fecero dettare l'agenda da Repubblica e dal 'pensiero unico'. Oggi di loro si occupano solo i tribunali. Altri fondano partiti, ieri invisibili nella marea di popolo di centrodestra. Berlusconi e Forza Italia c'erano e oggi più che mai possono e devono volere un centrodestra aperto e inclusivo, ricco di passione ma anche di cultura di governo. Il riequilibrio della proposta si costruisce sul campo e con il consenso. Non ai cocktail con il main stream che dà ordini, sbagliati, a noi e poi vota per gli altri".

"Salvini ha al momento il maggior onere dei numeri, ma anche l'onere di una proposta seria da elaborare con noi, senza coriandoli e mini Bot, con Europa vera e sovrana e meno 'via della seta' della resa alla Cina. Su questo versante siamo fondatori e protagonisti, altrove si troverebbero solo posti da cameriere. Rilanciamo Forza Italia nel centrodestra unito e uniti attorno a Berlusconi. Chi ha sbagliato per un giorno capirà e non si consegnerà al lato oscuro della forza. Poi avere la maggioranza da soli sarebbe meglio e sarebbe il desiderio di tutti. Ma un conto sono le aspirazioni, un altro sono i fatti", conclude.