**Fi: restano malumori dopo caso Malan, il silenzio dei vertici, Cangini 'ma dove va il partito?'** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – ''Ovvio che amareggia questa ennesima defezione di Malan", spiega all'Adnkronos Gabriella Giammanco, vicepresidente del gruppo a palazzo Madama, una delle poche a parlare, che propone di aprire subito una riflessione politica: ''Credo che sarebbe costruttivo, anzichè puntare il dito contro chi se ne è andato, capirne le motivazioni e cercare di risolvere ciò che non va nella gestione del partito''.

Cangini, che non ha mai nascosto la sua insofferenza verso un centrodestra a trazione sovranista e dietro il partito unico vede il rischio di un'annessione alla Lega, assicura che continuerà le sue battaglie all'interno di Fi, smentendo voci su un suo addio. ''Non c'è nulla di vero, io non me ne vado ma, insisto, mi chiedo dove stia andando il partito'', taglia corto l'ex direttore di 'Qn'.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli