FI: serve un conto corrente per donazioni dall'estero

Pol/Bar

Roma, 18 mar. (askanews) - "Secondo quanto prevede il comma 1 dell'articolo 99 del decreto Cura Italia, 'il Dipartimento della protezione civile è autorizzato ad aprire uno o più conti correnti bancari dedicati in via esclusiva alla raccolta ed utilizzo delle donazioni liberali di somme finalizzate a far fronte all'emergenza epidemiologica del virus COVID-19'. Va però evidenziato che il solo codice iban è insufficiente a ricevere bonifici dall'estero, tanto che sono numerose le segnalazioni di quanti chiedono il codice 'bic' e quello 'swift' necessari a effettuare donazioni da altri paesi. Oltre ad aprire un conto corrente dedicato per i soli bonifici esteri, sarebbe inoltre opportuno procedere anche con una campagna di sensibilizzazione da lanciare su 'Rai Internazionale' così da promuovere l'iniziativa al di là dei nostri confini nazionali". Lo hanno dichiarato in una nota congiunta la presidente del gruppo di Forza Italia alla Camera Mariastella Gelmini e la deputata azzurra Deborah Bergamini.

"Ci sono tantissime persone, connazionali e non, che dall'estero vorrebbero contribuire ad aiutare l'Italia a superare questa emergenza, mettiamoli nelle condizioni di farlo, i soli buoni propositi, purtroppo, non sono sufficienti", hanno aggiunto le due esponenti di FI.