FIA Smart Driving Challenge: vince il più prudente e il più efficiente

redazione@motor1.com (Adrian Padeanu)
FIA Smart Driver Challenge

La gara si basa sull'intelligenza artificiale per analizzare i comportamenti del conducente e determinare un vincitore

Molte auto moderne hanno un sistema di monitoraggio che tiene d'occhio la tecnica del guidatore e invia raccomandazioni generali per risparmiare carburante, promuovendo un comportamento di guida predittivo.

La FIA sta portando questo concetto a un livello completamente nuovo con la sua Smart Driving Challenge, che promuove la guida sicura in modo ecologico, utilizzando un sistema di intelligenza artificiale altamente avanzato per determinare il vincitore di un contest a livello mondiale.

A proposito di efficienza

Occhi sulla strada

La DSC è attualmente supportata da 12 club della FIA nel tentativo di spronare i conducenti per concentrarsi maggiormente sul mantenere una distanza di sicurezza dall'auto che precede e per accelerare e frenare in modo efficiente a seconda delle condizioni del traffico circostante.

La sfida punta anche a rimanere concentrati in ogni momento e a cambiare velocità e stile di guida in base al traffico e alle condizioni meteorologiche. Questi sono solo alcuni dei suggerimenti che la FIA incoraggia a prendere in considerazione per rendere le nostre strade più sicure.

FIA Smart Driver Challenge
FIA Smart Driver Challenge

Se si accetta la sfida, è possibile iscriversi alla FIA Smart Driving Challenge 2020 su questo sito Web. Coloro che saranno accettati per il concorso avranno accesso al resto dell'edizione 2019 per esercitarsi e prepararsi per il contest del prossimo anno.

Come funziona?

Le auto che partecipano alla sfida sono dotate di un lettore di bordo sviluppato dalla società tecnologica svedese Greater Than, installato nella porta OBD dedicata del veicolo. È collegato all'app FIA Smart Driving Challenge attivata sullo smartphone del conducente su. Una connessione tra l'auto e una piattaforma digitale nota come "Enerfy" sono in grado di monitorare il funzionamento del veicolo.

Occhio al cervellone

Si affida all'intelligenza artificiale per tenere traccia dei modelli di guida in tempo reale e confronta le informazioni raccolte con  650 miliardi di situazioni di guida uniche memorizzate nel database. Le informazioni pre-salvate sono state create dopo un'analisi di oltre 50 miliardi di chilometri di guida e vengono utilizzate per determinare se il partecipante ha utilizzato il veicolo in modo efficiente e sicuro.

I modelli del pilota vengono confrontati con i dati esistenti per calcolare un punteggio di guida, che viene quindi convertito in punti per ogni chilometro coperto per stabilire classifiche individuali e di squadra.

FIA Smart Driver Challenge
FIA Smart Driver Challenge

Le date

Il concorso si svolge in 14 settimane di prove e riunisce 20 squadre guidate da piloti professionisti, come il pilota della BMW, Martin Tomczyk, e il campione WRC Sebastien Ogier. Il gran finale includerà solo 12 piloti che si sfideranno a un evento che dovrebbe essere organizzato a dicembre 2020 a Parigi.