Fiamme distruggono fabbrica piena di sostanze tossiche in via Tiburtina

·3 minuto per la lettura
incendio ex penicillina 1
incendio ex penicillina 1

Un drammatico incendio di ingenti dimensioni è divampato in via Tiburtina, a Roma, nei pressi di San Basilio. Sulla base delle informazioni sinora trapelate, è stato rivelato che il rogo è esploso all’interno di una ex fabbrica di Penicillina, nella quale sono presenti molteplici sostanze tossiche.

In seguito alla segnalazione dell’evento, i vigili del fuoco si sono recati sul posto e stanno tentando di domare le fiamme e mettere in sicurezza l’area.

Roma, incendio in via Tiburtina: rogo divampato in un’ex fabbrica di Penicillina

Nella serata di lunedì 13 settembre, un incendio di vaste dimensioni è stato registrato in via Tiburtina, a Roma, all’interno di una ex fabbrica di Penicillina. L’edificio, abbandonato da ormai alcuni decenni, contiene nei suoi locali enormi quantitativi di amianto e altre sostanze tossiche.

Al momento, sul luogo del drammatico evento, sono presenti i vigili del fuoco che stanno lavorando al fine di spegnere il rogo. Il lavoro dei vigili del fuoco, tuttavia, è messo a dura prova dalla rapidità con la quale si stanno propagando le fiamme e dalle considerevoli dimensioni dello stabile divorato dall’incendio.

Incendio in via Tiburtina: preoccupazione dei residenti e stato di degrado dell’edificio

Intanto, cresce in modo assiduo e costante la preoccupazione di tutti i cittadini che risiedono nelle zone limitrofe all’ex fabbrica, spaventati dalla reale possibilità di respirare aria contaminata dalle sostanze tossiche arse dal rogo.

Per quanto riguarda l’edificio devastato dalle fiamme, lo stabile rappresenta un luogo abbandonato da decenni che verte in stato di degrado da anni. Con il trascorrere del tempo, la struttura realizzata in cemento si è trasformata nel rifugio di innumerevoli persone senza fissa dimora, soggetti che si trovano a fronteggiare situazioni di marginalità e fragilità e migranti che transitano brevemente nella Capitale.

Incendio in via Tiburtina: la denuncia di Potere al Popolo

Nella giornata di domenica 12 settembre, circa 24 ore prima che le fiamme ardessero all’interno dell’edificio situato in via Tiburtina, dinanzi alla fabbrica abbandonata si era radunato un nutrito gruppo di residenti che popolano l’area. Insieme ai residenti, era presente anche Elisabetta Canitano, candidata sindaca per Potere al Popolo. La manifestazione era stata organizzata per sottolineare e denunciare lo stato di degrado e di abbandono della struttura.

L’incendio divampato nell’ex fabbrica di Penicillina di via Tiburtina nella serata di lunedì 13, quindi, è stato commentato dal candidato alla presidenza del IV Municipio di Potere al Popolo, Carlo De Felici, che attraverso una nota ufficiale ha dichiarato: “In questo momento un grande incendio è divampato nella Ex Fabbrica di Penicillina di Via Tiburtina. Le cause non sono ancora conosciute ma fin da subito esprimiamo la massima preoccupazione per i veleni che verranno sprigionati e che gli abitanti dei quartieri circostanti respireranno – e ha aggiunto –. Lo avevamo denunciato solo pochi giorni fa insieme a Potere al Popolo ed Elisabetta Canitano: occorre bonificare quello stabile dai rifiuti inquinanti e dall’amianto di cui è ricoperto. Occorre farlo subito, per tutelare la salute degli abitanti di Roma Est”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli