Fiamme in Sicilia: preoccupa la zona di Enna

·2 minuto per la lettura
Incendi in Sicilia
Incendi in Sicilia

Gli incendi che stanno avvolgendo la Sicilia hanno provocato numerosi problemi soprattutto ad Enna. Le fiamme hanno circoscritto il centro abitato della cittadina, creando non poca paura tra gli abitanti. Sul posto sono giunte decine di squadre di vigili del fuoco, il personale della protezione civile e quello della forestale.

Incendi in Sicilia, la situazione

Per domare le fiamme sono intervenuti anche due canadair, attualmente il rogo non è stato ancora del tutto domato. L’incendio più grave è divampato all’altezza del bivio Kamut, minacciando anche un rifornimento di benzina della zona. Per fortuna l’intervento dei vigili ha evitato ulteriori problemi per le attività commerciali e anche per i residenti della zona.

Incendi in Sicilia, preoccupa la zona di Enna

Le fiamme divampate in alcune zone vicino la città di Enna hanno causato l’allontanamento dalle rispettive dimore e la ricerca di una temporanea destinazione. Una parte dell’incendio è stato domato durante la mattinata di giovedì 29 luglio 2021: al lavoro per ore i vigili del fuoco. Ma intanto la paura è alta, soprattutto visto l’ulteriore aumento delle temperature che supereranno i 42-43 gradi.

Incendi in Sicilia e non solo, Sardegna in gravi difficoltà

Non c’è soltanto la Sicilia che sta affrontando il problema degli incendi. Nella serata di domenica 25 luglio 2021, a seguito degli incendi che hanno devastato intere aree della Sardegna, è stato infatti chiesto lo stato di calamità. Il bilancio provvisorio è a dir poco preoccupante: sono oltre 20mila gli ettari di terreno bruciati senza tenere conto che sono state evacuate dalle loro abitazioni oltre un migliaio di sfollati. Sono tante le persone che stanno lavorando, ormai senza sosta, per spegnere le fiamme in Sardegna. Almeno 20 i mezzi aerei in azione tra elicotteri e canadair.

Intanto il governatore della Sardegna, Christian Solinas, ha tracciato un bilancio dei danni causati dagli incendi che da giorni stanno devastando la regione: nella serata di domenica 25 luglio la giunta regionale, riunitasi straordinariamente, ha anche approvato lo stato di calamità per i comuni più colpiti dalle fiamme. Data la gravità della situazione Solinas ha annunciato che chiederà a Mario Draghi di destinare una quota del PNRR ad un grande progetto di riforestazione che rimargini queste ferite. I danni sono veramente ingenti, soprattutto per vegetazione, coltivazioni e animali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli