Fico: "Misure straordinarie in Parlamento, si va avanti"

"Il Parlamento non puo' fermarsi, abbiamo dei doveri nei confronti dei cittadini italiani. Così abbiamo definito questa modalità straordinaria dovuta all'emergenza attuale e che speriamo di dover adottare il meno possibile. Ringrazio innanzi tutto le opposizioni per la serietà e disponibilità. Medesimo ringraziamento va anche alla maggioranza". Lo afferma il presidente della Camera, Roberto Fico, dopo aver sentito tutti i capigruppo di Montecitorio e aver ottenuto il via libera a ridurre a 350 la presenza in Aula dei deputati (su un totale di 630) per garantire mercoledì il voto a maggioranza assoluta sullo scostamento del deficit, misura necessaria per poter varare il decreto sulle misure economiche urgenti per fronteggiare la crisi da emergenza coronavirus.

 Fico  ha contattato tutti i capigruppo di Montecitorio, e ha raggiunto un accordo informale fra i gruppi per rispettare la distanza di un metro e le prescrizioni delle autorità sanitarie per il contenimento del contagio, garantendo la proporzionalità fra i gruppi e il plenum della maggioranza assoluta dei componenti (necessaria per l'ok allo scostamento di bilancio). La formula eccezionale  verrà adottata nei prossimi giorni.