Fico protesta col Governo: "Intollerabile il ritardo sulla manovra, così tempi troppo stretti"

HuffPost

“Il governo deve capire che la manovra va mandata alle Camere nei tempi previsti. Se andiamo troppo oltre il tempo previsto, il tempo per l’esame diventa pochissimo e ci troviamo in questa situazione che non è tollerabile”. Lo ha detto il presidente della Camera, Roberto Fico, durante il tradizionale scambio di auguri con l’Asp. Fico ha ricordato di aver scritto alla presidente del Senato proprio su questo problema e con “la presidente Casellati condividiamo e vogliamo far rispettare le prerogative del parlamento. Ci deve essere un cambio di passo, anche se il problema era presente anche in altre legislature”.

I precedenti delle due letture. Nel 1988, le Camere, con la riforma dei regolamenti parlamentari, stabilirono di evitare che sulle leggi di Bilancio ci si potesse esprimere con il voto segreto. Ma è del 1996 la decisione del governo di chiedere per la prima volta il voto di fiducia sulla manovra. Si tratta del primo esecutivo Prodi, che poi cadde nell’ottobre del 1998, proprio sul voto di fiducia alla finanziaria negato da Rifondazione Comunista. Sono così 23 anni che il governo detta gran parte delle norme della legge di Bilancio al Parlamento.
Ma la manovra del secondo governo Conte potrebbe diventare la quarta nella storia della Repubblica approvata, con la doppia fiducia, dopo sole due letture, cioè con un ramo del Parlamento, in questo caso la Camera, che non può intervenire sul testo.

La prima volta, accadde nel 2010 con il governo Berlusconi. A causa della crisi scoppiata nella maggioranza per lo strappo di Gianfranco Fini, che a dicembre presentò una mozione di sfiducia contro l’esecutivo, si decise di accelerare l’esame della manovra per evitare l’esercizio provvisorio. Lo stesso testo, blindato, venne approvato prima dalla Camera e poi dal Senato dove venne licenziato il 7 dicembre. La seconda volta, fu nel 2011, sempre per via della crisi e poi della drammatica caduta del governo Berlusconi. La manovra venne licenziata...

Continua a leggere su HuffPost