Fidanzato fugge col biglietto vincente: vedova perde mezzo milione di euro

Gratte e vinci
Gratte e vinci

Una vedova disabile vinse mezzo milione di euro al Gratta e vinci. Il fidanzato la abbandonò fuggendo via col biglietto. L’episodio accadde nel lontano 2016 in provincia di Bologna. L’uomo è stato infine condannato a un anno di reclusione per truffa e appropriazione indebita. La condanna è motivata non solo per aver rubato il biglietto vincente, ma anche per la sottrazione di altri 34mila sempre ai danni della compagna.

Ruba Gratta e vinci alla fidanzata: la storia

La storia in questione ha come protagonisti una vedova disabile di 62 anni, residente in una casa Acer, e un 51enne. Tutto inizia quando i due, alcuni anni fa, si fidanzarono. La donna vinse mezzo milione di euro al Gratta e vinci. Lui lo scoprì e si offrì di custodire il biglietto fortunato a casa sua, in cassaforte. La vedova accettò.

Come informa Leggo, tuttavia, Il 51enne iniziò a chiedere soldi alla fidanzata, con la scuola di voler comprare una casa tutta per loro. Alla fine la poverina finì per consegnargli tutti i suoi risparmi: 34mila euro. L’uomo alla fine fuggì e quando la fidanzata gli chiese di ridarle il Gratta e vinci, lui le consegnò un falso.

Parla la difesa

Di recente è arrivata la sentenza nei confronti del 51enne per aver rubato il Gratta e vinci. L’avvocato dell’uomo, intervistato al Corriere di Romagna, ha dichiarato: “Il mio cliente me lo ha ribadito anche dopo la sentenza.  Lui di quel Gratta e vinci da 500mila euro che avrebbe sottratto all’ex compagna non sa proprio nulla. E se lo avesse in mano, visto che i Monopoli di Stato ne hanno bloccato la riscossione trasformandolo in carta straccia, sarebbe un matto a non restituirlo dopo la transazione da 100mila euro offertagli dai legali della presunta raggirata”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli