Fiducia consumatori giugno a max da ottobre 2018, bene clima imprese - Istat

·1 minuto per la lettura
Una bandiera italiana presso il Palazzo del Quirinale a Roma

ROMA (Reuters) - La fiducia delle imprese e dei consumatori sale ancora a giugno, con il livello degli indici relativi ai comparti industria e servizi che supera decisamente quello pre-Covid.

Secondo i dati diffusi da Istat questa mattina, nel mese in esame l'indice di fiducia relativo alla manifattura sale a 114,8 da 110,9 (rivisto da 110,2) di maggio, sopra al consensus Reuters che era per un indice a 112.

Il composito del clima di fiducia delle imprese - che oltre al manifatturiero comprende commercio, costruzioni e servizi - si porta a 112,8 da 107,3 (rivisto da 106,7) del mese precedente.

La fiducia dei consumatori - in risalita per il terzo mese consecutivo - si attesta a 115,1 da 110,6 del mese prima, contro stime pari a 112.

L'indice, sottolinea Istat, supera il livello di febbraio 2020 e registra un massimo da ottobre 2018, e tutte le componenti sono in crescita.

Guardando all'industria manifatturiera, migliorano i giudizi sugli ordini e le aspettative sulla produzione; le scorte sono giudicate in leggero accumulo rispetto al mese scorso.

(Antonella Cinelli, in redazione a Roma Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli