A Fiera Milano dal 19/11 la Simei, tutto su tecnologia e vino

Red/Apa

Roma, 25 set. (askanews) - Tecnologica, globale e trasversale: è la 28esima edizione di Simei, la più importante esposizione internazionale dedicata alle tecnologie per enologia e imbottigliamento, che quest'anno si terrà dal 19 al 22 novembre 2019 a Fiera Milano Rho. Nel corso degli anni Simei si è affermato come il più grande evento di networking della filiera vitivinicola a livello mondiale, registrando in ogni edizione numeri importanti: 30.000 operatori professionisti provenienti da tutto il mondo, oltre 500 imprese espositrici di altissimo profilo, oltre 400 delegati da più di 90 Paesi del mondo.

La crescita dell'export italiano in questo settore - oltre il 70% delle tecnologie enologiche presenti nelle cantine di tutto il mondo è italiano - registra costantemente un segno positivo, confermato anche dai dati dei primi cinque mesi del 2019 che vedono un incremento del 10% rispetto al 2018, per un volume d'affari di circa 900 milioni di euro (896.615.939) con particolare attenzione alla voce macchine per imbottigliamento e confezionamento, che cresce di oltre 50 milioni di euro (+10% rispetto al 2018).

In base ai dati raccolti tra gli operatori, sono in particolare le macchine etichettatrici che hanno favorito questo incremento in quanto sono aumentati gli investimenti delle cantine per avere etichettatrici più flessibili. Tra i Paesi con una crescita più significativa di questa voce doganale si ricordano: Argentina, Croazia, Grecia, Messico, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Turchia, Vietnam, Stati Uniti. Stabili i grandi Paesi come Francia, Germania. In forte flessione la Cina.

Ad oggi sono già più di 400 le aziende espositrici iscritte e continuano le adesioni, provenienti da Italia, Francia, Germania, Spagna, Austria, UK, Svizzera (i primi). Poi, Bulgaria, Cina, Grecia, Portogallo, Polonia, Moldavia, Ucraina, Rep. Ceca, Croazia, Slovenia, Belgio, Danimarca, Svezia, Australia, USA, South Africa. A fare da capofila quelle del settore vino, che rappresentano circa il 90% degli espositori, alle quali si aggiungono quelle dedicate alla birra, all'olio, alle bevande, ai succhi, all'acqua, all'aceto, agli alcolici e al latte. Oltre all'eccellenza tecnologica, che resta il cuore della fiera biennale che Unione Italiana Vini organizza dal 1963, è stato rivisto l'impianto generale della manifestazione che si apre a nuovi settori produttivi del 'liquid food' vicini al vino e introduce tematiche di eccezionale attualità come l'architettura e il design legandoli al settore.