Fieravicola si sposta da Forlì a Rimini -2-

Red/Apa

Roma, 13 nov. (askanews) - L'accordo tra IEG e Fiera di Forlì prevede la costituzione di una newco con IEG al 51%, Fiera Forlì al 35%, Cesena Fiera al 10%, Assoavi e Unaitalia entrambe al 2%. "Si tratta quindi - prosegue il presidente di IEG - di una decisione frutto di una strategica valutazione e progettazione, ogni aspetto dei possibili vantaggi per i diversi soggetti coinvolti - fiere, territori, mercato - è stato attentamente esaminato e portato a chiarezza formale e sostanziale".

Con l'acquisizione di Fieravicola si amplia ulteriormente il portafoglio di IEG che si conferma leader nel settore agroalimentare dove è da tempo protagonista con il Sigep, Beer&FoodAttraction, FoodWeell, Foodnova, Macfrut, Cosmofood a Vicenza e Golositalia a Montichiari.

"I ruoli in questo accordo - conclude Lorenzo Cagnoni - sono chiari e paritari. Le linee strategiche della manifestazione saranno dettate dalla newco a maggioranza IEG, la gestione operativa sarà in capo a Cesena Fiera con il grande vantaggio di sinergie comuni a quelle del Macfrut. Mentre i contenuti tecnici e culturali, i convegni e gli approfondimenti di mercato saranno localizzati su Forlì che detiene un expertise sul settore a far data dal 1961. L'avicoltura intensiva gettò infatti le basi di quello che sarebbe diventato un fiore all'occhiello dell'agroalimentare del nostro Paese proprio negli anni cinquanta. Ne è nata nel tempo una filiera articolata sia per tecnologia sia per prodotto con un pieno protagonismo internazionale delle aziende territoriali".