Fiere: fino al 7 novembre al Mico va in scena 'il gusto della distinzione' di Golosaria

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 5 nov.(Adnkronos) – 'Il gusto della distinzione' è il tema dell'edizione numero 17 di Golosaria, la manifestazione organizzata a Milano da Paolo Massobrio e Marco Gatti, autori de IlGolosario, per celebrare le eccellenze dell’artigianato agroalimentare tricolore.

Da oggi e fino a lunedì 7 novembre, oltre 300 espositori di cibo e vino presentano tradizioni e novità, le cucine di strada e la nuova area dedicata al bere miscelato: "La giornata di oggi -spiega Massobrio- ha aperto il primo vero ritorno alla dimensione reale della nostra fiera dopo il periodo del Covid con ancora più produttori in presenza e tante novità: dall'area Mixo dedicata al bere miscelato alle nuove proposte delle cucine di strada e degli artigiani del gusto presenti in fiera. La distinzione per noi significa anche debutto delle novità di domani".

Momento topico della giornata di apertura, il talk inaugurale con le case history di quattro imprenditori che si muovono nel segno della Distinzione, intesa anche come principio di restituzione al territorio e alla comunità: Paolo Zegna alla guida della Fondazione Zegna e del progetto dell'Oasi Zegna; Massimo Gianolli della cantina La Collina dei Ciliegi di Grezzana (Verona); Massimo Spigaroli dell'Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense; Paolo Patrone della cantina Giorni di Pignola (Potenza) e il professor Lorenzo Morelli dell'Università Cattolica che ha parlato di innovazione in campo agroalimentare. E poi l'incontro sul palco dell'agorà con il maestro Nicola Fiasconaro, un momento solenne nato per celebrare un'amicizia di lunga data con Golosaria ma anche per rilanciare la candidatura di Castelbuono, sede della pasticceria, come 'città creativa Unesco'. Domani la seconda giornata di Golosaria: dalle 10 alle 20 si susseguiranno numerosi eventi, con i momenti clou rappresentati dalle premiazioni delle eccellenze enogastronomiche d’Italia. Non mancherà un omaggio al Maestro Iginio Massari.