I figli di Schumacher: "Era il nostro idolo, ci ascoltava. Colpiti nei nostri momenti più felici"

·1 minuto per la lettura
(Photo: Getty)
(Photo: Getty)

“Se penso al passato vedo noi quattro che ci divertiamo da qualche parte, a fare karting, sulle carrozze trainate dai pony. È ingiusto che quei momenti non ci siano più. Io e papà abbiamo in comune una grande passione, mi piacerebbe parlare con lui di automobilismo, è un pensiero che non mi abbandona mai... lui era il mio eroe, il mio idolo, pensavo che un giorno avrei voluto essere come lui”. E’ Mick Schumacher a parlare. Il figlio del pilota Michael è uno dei protagonisti del documentario che racconta la vita e i successi del pluricampione di Formula 1.

“Il ricordo più bello è quando tornava a casa dopo il lavoro, ci chiedeva di raccontargli cosa avevamo fatto e ci ascoltava, trovava sempre tempo per stare con noi” racconta alle telecamere Gina Maria, primogenita di Schumacher. Anche la moglie Corinna interviene: “Non ho mai incolpato Dio per quello che è successo in quel giorno maledetto, ma siamo stati colpiti nel momento più felice della nostra vita. Michael mi manca ogni singolo giorno. Ma è ancora qui, è diverso, ma è qui e ci dona tutta la sua forza. Non so cosa accadrà, so però che continuerò a non arrendermi. E’ la persona piu amorevole che abbia mai incontrato”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli