I figli picchiano la madre su ordine del padre detenuto

Violenza
Violenza

Una vincenda assurda è stata raccontata da Today e riguarda un dramma familiare. Un detenuto ordina ai figli di picchiare la madre perchè ha scoperto che la donna aveva una relazione extraconiugale.

Detenuto ordina ai figli di picchiare la madre: “Mi tradisce, punitela”

Come i mafiosi, un uomo detenuto nel carcere di Andria, impartiva ordini alle persone che si trovavano all’esterno. Una volta che aveva scoperto il tradimento della moglie, il mandante delle aggressioni aveva detto ai figli: “Punitela“. Una semplice parola che ha fatto vivere un incubo alla donna che, allo stremo delle forze, ha anche tentato il suicidio. I fatti risalgono al 2021 e da quel momento la donna è stata spesso chiusa per ore in una stanza e picchiata più volte dal figlio 19enne e dalle sue figlie femmine. Oltre alla violenza fisica, la vittima ha subito anche violenza psicologica. Per cercare di limitare i danni la donna si recava alle visite in carcere, ma lì veniva minacciata di morte dal marito.

Il ricovero in ospedale, la fuga e la denuncia: arrestate cinque persone

Dopo le ripetute percosse, la madre degli aggressori e moglie del detenuto, ha deciso di tentare il suicidio ingerendo una grossa quantità di detersivo. Sopravvisuta all’avvelenamento è stata ricoverata in ospedale ma una volta dimessa i figli hanno continuato a picchiarla. La donna non ha trovato pace nemmeno quando si è rifugiata in un luogo sicuro, in quanto è stata raggiunta da una persona estranea al nucleo familiare che, oltre a picchiarla, l’ha costretta a tornare dalla sua famiglia. Solo il 15 giugno 2022 la vittima è riuscita a scappare di casa e denunciare tutto. Sono stati arrestati tutti gli indagati, che sono cinque. I capi d’accusa sono: concorso continuato in maltrattamenti in famiglia, sequestro di persona e associazione mafiosa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli