Figlia dell'eroe Lumumba chiede a Belgio restituzione resti padre

Mos
·1 minuto per la lettura

Roma, 21 lug. (askanews) - La figlia dell'eroe dell'indipendenza del Congo Patrice Emery Lumumba ha chiesto al re del Belgio la restituzione dei resti del padre, assassinato il 17 gennaio 1961, e per l'uccisione del quale il paese europeo ha ammesso la sua "responsabilit morale". Lo riferisce oggi l'agenzia di stampa France Presse. "Noi, i figli di Lumumba, noi la famiglia Lumumba, noi chiediamo il giusto ritorno dei resti di Patrice Emery Lumumba sulla terra dei suoi antenati", scrive Juliana Amato Lumumba in una lettera a re Filippo del Belgio. La lettera datata 30 giugno, giorno del 60mo anniversario dell'indipendenza del Congo, un'ex colonia belga. In quell'occasione Filippo ha presentato il "rimorso" storico per le "sofferenze e le umiliazioni" che la colonizzazione belga ha procurato nel popolo congolese. Lumumba, ha ricordato la figlia, resta un "eroe senza sepoltura". Primo ministro nel 1960, fu rovesciato, arrestatoe consegnato ai suoi nemici, i separatisti del Katanga, che l'assassinarono. Con l'aiuto di mani belghe. Nel 2000 uno dei belgi coinvolti nell'uccisione, il commissario di polizia Gerard Soete, ha raccontato all'AFP di aver fatto appezzi e sciolto nell'acido il corpo di Lumumba e di due dei suoi seguaci. Inoltre, in un documentario della ARD tedesca, lo stesso anno, Soete afferm di aver conservato dei denti di Lumumba e li mostr. Nel 2016 il sociologo Ludo De Witte ha denunciato la figlia di Soete, accusata di avere ancora un dente di Lumumba, che lei stessa mostr in un'intervista a un giornale. Nella lettera, la figlia di Lumumba ha denunciato le "dichiarazioni abiette, fatte in Belgio, di detenzione di alcuni dei resti" del padre.