Filiera brassicola a tavolo Mipaaf su fondi legge di bilancio

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 feb. (askanews) - Tra i settori che hanno maggiormente subito le conseguenze delle chiusure imposte per fronteggiare la pandemia da Covid-19 c'è sicuramente la filiera brassicola, che oggi si è riunita in videoconferenza nel tavolo di filiera del Mipaaf insieme al sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe L'Abbate, per pianificare le azioni future del comparto. Tra le misure principali emerse, il sostegno alla filiera dell'orzo e del luppolo, anche tramite contratti di filiera. E ancora, più finanziamenti alla ricerca e azioni di promozione e formazione. Si attende anche a breve la prima bozza con cui l'osservatorio economico-statistico, costituitosi in seno al tavolo di filiera, fotografa lo scenario italiano sul luppolo.

Il tavolo di filiera ha visto confrontarsi i diversi protagonisti sui possibili utilizzi di parte dei fondi messi a disposizione dall'ultima Legge di Bilancio, pari a 10 milioni di euro. "Negli ultimi anni abbiamo assistito ad innumerevoli iniziative che hanno portato alla nascita di centinaia di microbirrifici artigianali. Questo deve essere il volano per la creazione di una vera e propria filiera brassicola italiana, che possa contare su produzioni agricole di luppolo e malto nazionali - ha spiegato L'Abbate - Sarà determinante, dunque, saper ben indirizzare questi fondi a disposizione per pianificare gli sviluppi futuri. Al di là del delicato momento politico, è importante avviare il confronto con la filiera per comprendere come meglio destinare le risorse al fine di garantire crescita e aumento del valore aggiunto nel prossimo futuro - ha aggiunto il sottosegretario - concentrandosi su interventi complementari a quelli già previsti dai Piani di Sviluppo Rurale, dove alcune misure già possono finanziare le esigenze indicate dal tavolo".

Tra le proposte emerse quella, innanzitutto, del sostegno alla produzione di orzo e luppolo, anche tramite contratti di filiera agganciati alla valorizzazione della trasformazione e della promozione del prodotto. "Questo in modo tale che la filiera si strutturi e abbia poi la forza di crescere in autonomia - ha spiegato - L'Abbate. Il Ministero ha già chiesto i dati aggiornati ad Agea, così da poter valutare gli ettari interessati da tali produzioni".

A ciò si aggiunge la richiesta di finanziare la ricerca in diverse direzioni: per l'individuazione di prodotti fitosanitari efficaci ed a basso impatto sull'ambiente, di varietà vegetali più performanti e di soluzioni migliorative della meccanizzazione del processo produttivo. Dunque, promozione, assistenza tecnica e formazione, sia per gli agricoltori che per i tecnici i quali, a loro volta, supporteranno i produttori, dando concreta attuazione nelle imprese dei risultati della ricerca scientifica.