Filiera Italia: salvi da ultimo giro dazi ma no abbassare guardia -2-

Red/Cro/Bla

Roma, 15 feb. (askanews) - Un dato eccellente che sempre stando ai dati Istat rispecchia l'ottima perfomance dell'export di settore in generale: +8,0% dicembre 2019 sullo stesso mese del 2018, con un consuntivo sui 12 mesi a +6,6%, superando il +6,0% che era stato previsto, per un totale di 35,4 miliardi, rispetto ai 35,2 previsti.

Tornando agli Usa, una crescita a passo spedito confermata anche dalle analisi sul posizionamento competitivo delle importazioni agroalimentari effettuate sui dati 2018 che vedono l'industria alimentare italiana al 4° posto come paese fornitore per gli USA dopo Canada, Messico e Francia, al 6° posto per l'agroalimentare comprendendo il settore primario. Con posizioni di spicco sul settore lattiero-caseario e sui formaggi dove per esportazioni il nostro paese è al 1° posto in assoluto, nonostante le sofferenze per imitazioni e contraffazioni, bene anche gli spumanti dove l'Italia è al 2° posto e sta riprendendo terreno sui francesi, di tutto riguardo, infine, il comparto delle carni preparate dove siamo al 3° posto dando un importante distacco al 4° classificato, la Nuova Zelanda.

(Segue)