Film Commission, sospetto dei pm: 1 mln in regalo da R. Lombardia

fcz

Milano, 21 lug. (askanews) - Un "regalo" da parte della giunta regionale lombarda presieduta da Roberto Maroni destinato a Michele di Rubba, ex presidente della Lombardia Film Commission, e ai commercialisti vicini alla Lega Michele Scilleri e Andrea Manzoni. Secondo gli inquirenti milanesi titolari dell'inchiesta sulla compravendita a prezzi gonfiati di un capannone di Cormano, comune alle porte di Milano, da parte della fondazione regionale per la promozione della Lombardia in ambito cinematografico, potrebbe essere stato questo il reale obiettivo del finanziamento da 1 milione a favore di Lfc. La maggior parte di quella somma - 800 mila euro - venne poi utilizzata per l'acquisito dell'immobile che a fine 2017 fu venduto a Lfc dalla societ Andromeda che pochi mesi prima lo aveva acquistato per 400 mila euro da una societ in liquidazione, la Paloschi srl.

L'inchiesta milanese, condotta dal pm Stefano Civardi sotto il coordinamento del procuratore aggiunto Eugenio Fusco, ha per ora portato a quattro indagati: l'ex presidente di Lfc Di Rubba e i commercialisti Scilleri (nel suo studio a fine 2017 venne registrato il movimento "Lega per Salvini premier") e Manzoni, accusati di turbativa d'asta e peculato, nonch Luca Sostegni, il 62enne che secondo gli inquirenti avrebbe svolto il ruolo di prestanome di Scilleri in alcuni passaggi dell'operaaione, che risponde anche di estorsione. Quest'ultimo, che secondo gli inquirenti era pronto a fuggire in Brasile, stato fermato gioved scorso dalla Guardia di Finanza e ora detenuto a San Vittore dopo la convalida del provvdimento da parte del gip. Secondo la ricostruzione dei pm, avrebbe chiesto soldi a Scilleri (20 mila gi incassati con la promessa di altri 30 mila) in cambio del suo silenzio sull'operazione.

Gli inquirenti sospettano che il milione di euro stanziato a favore di Lfc con una delibera regionale approvata il 30 dicembre 2015 sia stato una sorta di escamotage per far arrivare soldi ai tre commercialisti vicini al Carroccio. Un "regalo", appunto, da parte della giunta regionale allora presieduta da Maroni. Il testo della delibera fa parte della documentazione acquisita oggi dalla Guardia di Finanza negli uffici della Regione Lombardia. Documenti che potrebbero rivelarsi utili anche per altre verifiche investigative: i magistrati intendono infatti chiarire se in quel periodo Lfc o altri enti regionali abbiano ricevuto finanziamenti analoghi da parte della Regione e accertare quale fosse il rapporto tra i vertici dell'amministrazione regionale, l'ex presidente di Lfc Di Rubba e agli altri due commercialisti sotto inchiesta.

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.