Filosofi: è morto Stefano Ferrari, studioso della psicologia dell'arte

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Bologna, 25 giu. – (Adnkronos) – Il filosofo Stefano Ferrari, studioso di estetica e della psicologia dell'arte, è morto a Parma all'età di 72 anni. L'annuncio della scomparsa, avvenuta il 22 giugno, è stato dato oggi dall'Università di Bologna, dove ha svolto tutta la carriera accademica.

Nato a Parma nel 1949 e laureatosi all'Università di Bologna nel 1972 in Estetica con Luciano Anceschi, a fianco di Alessandro Serra ha insegnato per molti anni Psicologia dell'arte al Dams, a Lettere, a Filosofia e ad Arti Visive. È stato direttore della Scuola di Specializzazione in Beni storico-artistici dal 2010 al 2016.

Nel corso della carriera ha rivolto i propri interessi alla relazione tra le arti, la letteratura, la psicologia e la psicoanalisi, con particolare interesse alle dinamiche dell'autorappresentazione letteraria (autobiografia) e artistica (autoritratto), animando numerose iniziative, convegni, seminari, incontri con artisti, con immutata passione e coerenza. Tra i suoi libri figurano "Scrittura come riparazione. Saggio su letteratura e psicoanalisi" (Laterza, 1994), "La psicologia del ritratto nell'arte e nella letteratura" (Laterza, 1998), e "Lo specchio dell'io. Autoritratto e psicologia" (Laterza, 2002).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli