Filosofi: John Locke? Vanitoso, pigro e plagiatore, secondo il suo amico intimo (4)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – L'accademico di Cambridge sostiene che la rivelazione più significativa è quella di Tyrrell secondo cui Locke aveva letto "Leviatano" di Hobbes. "È di gran lunga l'opera di filosofia più famigerata pubblicata nel XVII secolo ed era assolutamente eretica e Hobbes era guardato con straordinario sospetto – spiega Waldmann – Locke ha passato decenni a negare di avere familiarità con Hobbes in qualsiasi modo, forma o aspetto. Non cita mai il Leviatano in nessuna delle sue opere pubblicate, non fa mai riferimento a lui nelle sue lettere, quindi ha fatto di tutto per evitare qualsiasi associazione”.

Ma Tyrrell afferma a Des Maizeaux che Locke "aveva quasi sempre il Leviatano di Hobbes sul suo tavolo, e ne raccomandava la lettura ai suoi amici", anche se "in seguito finse di negare di aver mai letto quel libro”.

"L'idea che Locke non fosse interessato al suo più grande predecessore è stata molto dibattuta – ricorda Waldmann – Non ci sono misteri paragonabili a Locke che dialoga con Hobbes, ed ecco l'amico più intimo di Locke che dice che aveva il Leviatano quasi sempre sul suo tavolo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli