Finanziamenti sospetti a Toti, si indaga sui comitati. Lui si difende: "Nulla da nascondere"

HuffPost
Giovanni Toti

Si indaga sui soldi “sospetti” ricevuti da due comitati “riconducibili al governatore della Liguria Giovanni Toti”. Lo scrive La Stampa, che riporta di due segnalazioni sui flussi bancari di altrettanti comitati legati al governatore. Il quale si difende: “Soldi solo e soltanto per attività politica, non abbiamo nulla nascondere”.

Il primo caso, segnalato alla Direzione nazionale antimafia, riguarda un finanziamento da 10 mila euro ricevuto dal “Comitato Giovanni Toti-Liguria” (nato per sostenerne la candidatura a presidente della Regione) ed erogato dal “Comitato Change” (creato invece per sostenere altri candidati graditi a Toti). La segnalazione cita “il sospetto che il Comitato abbia ricevuto finanziamenti diretti dalla Regione Liguria o altri enti” .

La seconda segnalazione, inviata alla Guardia di Finanza di Genova, riguarda direttamente il Comitato Change.

In particolare, quattro bonifici ricevuti sotto forma di “erogazione liberale” da parte di soggetti privati: 100 mila euro da Moby Spa (compagnia di navigazione dell’armatore Vincenzo Onorato, già segnalato dall’Uif per i contratti con la Casaleggio associati e il blog di Beppe Grillo, e i fondi dati alla fondazione Open di Matteo Renzi); 90 mila euro da Aker srl e 20 mila euro Innovatec Spa.

“Non abbiamo nulla da nascondere. Ogni euro versato da chi ha voluto aiutarci è stato dedicato solo e soltanto all’attività politica che stiamo facendo per dare il nostro contributo a migliorare la nostra Regione e il Paese”. Così il presidente della Regione Liguria e leader di Cambiamo! Giovanni Toti commenta su Facebook l’indagine.

“Posso solo ribadire che abbiamo sempre seguito alla lettera e con rigoroso scrupolo la sostanza e la forma della legge - afferma Toti - Ogni sostegno ricevuto è stato registrato e comunicato con assoluta trasparenza, secondo le norme vigenti, agli enti di sorveglianza e pubblicato su internet. Tutti gli amici che ci hanno aiutato nel gestire...

Continua a leggere su HuffPost