Finarte, il 17 marzo asta di fotografia: da Ghirri alla Sherman

Lme

Milano, 3 mar. (askanews) - Dopo il grande successo ottenuto nel 2019 che ha consacrato il dipartimento di Fotografia come il leader in Italia, Finarte presenta il catalogo della prossima vendita in asta.

Il catalogo dell'asta che si terrà a Milano il 17 marzo ha una chiara impronta internazionale, ma riesce comunque a mantenere uno sguardo attento anche agli autori italiani, sia ai lavori degli anni '30 e '40 che alle opere contemporanee.

Dopo i primi due lotti dell'asta che verranno offerti in beneficienza a favore di CUORE E PAROLE ONLUS, un'associazione che dal 2004 si impegna a contrastare e prevenire il disagio giovanile.

Il catalogo prosegue poi con una sezione dedicata ai grandi maestri del paesaggio italiano, come Olivo Barbieri, Massimo Vitali, Franco Fontana (notevole al lotto 3 Zurigo, stima € 2.000 - 2.500) e Gabriele Basilico: di quest'ultimo si segnala al lotto 8 la suggestiva veduta di Roma (stima 3.600 - 4.000 euro).

Il top lot dell'asta si trova al lotto 119: 33 stampe cromogeniche di Luigi Ghirri, che costituiscono un vero e proprio lavoro museale (Modena, dalla serie "KM 0,250", 30.000 - 40.000 euro).

Altri bei lavori di autori italiani sono il collage di Paolo Ventura al lotto 219 (Via Previati, stima 2.000 - 2.500 euro), due rare serie di stampe vintage di Luigi Veronesi (lotto 151 stima 6.500 - 9.000 euro e lotto 152 stima 5.000 - 8.000 euro) e due imponenti C-print di Claudio Abate, che immortala lavori di Anselm Kiefer e Mario Merz ai lotti 125 e 126 (stima 4.500 - 5.500 euro ciascuno).