"Finita Tangentopoli, ma corruzione è rimasta"

webinfo@adnkronos.com
"Secondo me va constatato che sono finite le nostre indagini, ma la corruzione in questo Paese è proseguita con caratteristiche diverse ma c'è sempre: noi dovevamo perseguire i reati, ma alla fine esistono delle contraddizioni tra la cultura generale e la legge e necessariamente perde la legge". Così Gherardo Colombo, ex magistrato del pool di Mani Pulite, rende omaggio al 'capo' Francesco Saverio Borrelli durante la camera ardente in tribunale a Milano. Quel 'Resistere, resistere, resistere', pronunciato da Borrelli nel 2002 è "un invito a tutta la cittadinanza a rivolgersi veramente alla Costituzione", chiosa Colombo.

"Secondo me va constatato che sono finite le nostre indagini, ma la corruzione in questo Paese è proseguita con caratteristiche diverse ma c'è sempre: noi dovevamo perseguire i reati, ma alla fine esistono delle contraddizioni tra la cultura generale e la legge e necessariamente perde la legge". Così Gherardo Colombo, ex magistrato del pool di Mani Pulite, rende omaggio al 'capo' Francesco Saverio Borrelli durante la camera ardente in tribunale a Milano. 

Quel 'Resistere, resistere, resistere', pronunciato da Borrelli nel 2002 è "un invito a tutta la cittadinanza a rivolgersi veramente alla Costituzione", chiosa Colombo.