Finlandia. Via dalle piazza ultimo monumento a Lenin.

(Adnkronos) - Nella F inlandia preoccupata per l'invasione russa dell'Ucraina non ci saranno più monumenti dedicati a Lenin nelle strade e le piazze. L'ultimo busto del leader bolscevico verrà rimosso dal centro di Kotka, città meridionale a soli 50 km dalla frontiera russa.

Il consiglio comunale, riferisce il sito Yle news, ha deciso di trasferire la statua al Kymenlaakso, il museo cittadino. Scolpito dallo scultore estone Mati Varik, il grande busto di bronzo era stato regalato dalla città gemellata di Tallinn, oggi capitale dell'Estonia indipendente, ma allora parte dell'Unione Sovietica. Negli anni il monumento aveva provocato diverse polemiche ed era stato più volte bersaglio di atti vandalici. Lo stesso era accaduto a Turku, un'altra città della Finlandia meridionale, che in aprile ha rimosso una statua di Lenin regalata nel 1977 dal comune di Leningrado, l'attuale San Pietroburgo.

Sono anni che in Finlandia si discute di cosa fare dei monumenti 'sovietici', ma il dibattito ha subito un'accelerazione dopo l'invasione russa dell'Ucraina. Se in precedenza il comune di Kotka non aveva mai volto rimuovere il busto, ora il suo trasferimento in un museo è stato approvato dal consiglio municipale con 41 voti a favore e 9 contrari. Il museo Kymenlaakso, che ora accoglierà la statua, aveva proposto in precedenza di tenerla sul posto, con l'aggiunta di una targa per contestualizzare l'opera. Ma questa soluzione è stata scartata. La Finlandia che in pochi mesi ha preso la storica decisione di aderire alla Nato non vuole più busti di Lenin nelle proprie piazze. A Kotka solo un piccolo numero di cittadini voleva mantenere la statua. Una piccola manifestazione di sostegno era stata organizzata la settimana scorsa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli