Finmeccanica, utile I semestre cala a 70 mln, ricavi -5%

Roma, 31 lug. (LaPresse) - Il risultato netto di Finmeccanica nel primo semestre 2012 è di 70 milioni di euro, rispetto ai 456 milioni dell'analogo periodo del 2011, che aveva tuttavia beneficiato della plusvalenza di 443 milioni di euro per la vendita del 45% di Ansaldo Energia. E' quanto si legge in una nota del gruppo che sottolinea che i ricavi si attestano a 8.027 milioni di euro rispetto agli 8.432 milioni dello stesso periodo del 2011, con una riduzione di 405 milioni (-5%) e, utilizzando la stessa percentuale di consolidamento del gruppo Energia al 30 giugno 2012, il fatturato di Finmeccanica nel primo semestre 2011 sarebbe stato pari a circa 8.179 milioni.

Gli ordini sono pari a 7.678 milioni di euro rispetto ai 7.566 milioni del primo semestre 2011, con un incremento di 112 milioni (+1%). "I risultati del primo semestre - afferma Giuseppe Orsi, presidente e amministratore delegato di Finmeccanica - e in particolare quelli del secondo trimestre, evidenziano un incoraggiante miglioramento dei principali indicatori e un recupero di redditività, segno che il piano di ristrutturazione e di efficientamento sta procedendo nei tempi e nei modi previsti". "Nonostante un contesto nazionale ed internazionale caratterizzato da una perdurante notevole incertezza - prosegue Orsi - Finmeccanica è fiduciosa di rispettare gli obiettivi per il 2012 resi noti a marzo. Il 2012 resta, tuttavia, un anno di delicata transizione nell'ambito di un percorso di rilancio impegnativo e di non breve durata". Finmeccanica ha conferma le previsioni di esercizio per il 2012, illustrate al monento dell'approvazione del bilancio 2011. Il gruppo vede ricavi compresi in una forbice tra 16,9 e 17,3 miliardi di euro e un Ebita a circa 1,1 miliardi, con un flusso di cassa positivo.

Ricerca

Le notizie del giorno