Fino a quanto si risparmia con il contributo del Bonus Vacanze

In arrivo il Bonus Vacanze 2020

L’Agenzia delle Entrate è in attività frenetica, l’estate è già qui e c’è bisogno di definire la questione del contributo bonus vacanze fino a 500 euro, ed è per questo che è stato attivato il codice tributo dell’Agenzia delle Entrate per il bonus vacanze 2020.

Le strutture turistico-ricettive che aderiranno a questo incentivo dal prossimo 1 luglio sapranno così come fare a recuperare lo sconto fiscale, perché l’agenzia della pubblica amministrazione non solo ha indicato qual è il codice tributo ma ha anche fatto sapere dove inserirlo.

Bonus, cosa deve fare la struttura

Il codice tributo per il bonus vacanze 2020 è il 6915 e consentirà a tutte le strutture ricettive aderenti il recupero dello sconto fiscale effettuato nei confronti dei turisti fino ad un ammontare del 20%, che potrà essere scaricato come detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi dell’anno successivo. Il restante 80% è lo sconto immediato del bonus vacanze per il turista, che deve rivolgersi alla struttura senza intermediazione alcuna di agenzie di prenotazione online (le uniche ammesse sono agenzie di viaggio e tour operator) e con il quale si potrà risparmiare fino 150 euro per nuclei formati da un solo componente, 300 euro per le coppie e 500 euro per famiglie di minimo tre persone.

Ma come funziona, nei fatti, il bonus vacanze?Per utilizzare il codice tributo da parte delle strutture aderenti bonus vacanze è necessario compilare il modello F24, riportare il codice tributo nella sezione ‘Erario’ dell’Agenzia delle Entrate e popolare il campo ‘importi a credito compensati’ (per la compensazione del credito d’imposta) o ‘importi a debito versati’ (nel caso di riversare l’agevolazione). Resta sempre obbligatorio emettere fattura o documento commerciale. Al momento del pagamento, per attivare il bonus vacanze la struttura aderente dovrà verificare la validità dello stesso nell’area riservata dell’Agenzia delle Entrate, e attendere il giorno lavorativo successivo per recuperare l’importo anticipato sotto forma di credito d’imposta, dopo averlo richiesto con modello F24.

Bonus, cosa deve fare il turista

E il turista? Come richiedere il bonus vacanze 2020? Il cittadino che vuole accedere al bonus vacanze non deve far altro che confermare la propria identità digitale attraverso il sistema Spid o la Cie, la carta elettronica digitale che molti Italiani già posseggono. Al momento della registrazione tramite uno dei due canali, verrà richiesto di inserire il proprio Isee, che non deve superare i 40mila euro annui. In seguito sarà sufficiente scaricare la app Io Italia per il bonus vacanze 2020 con cui richiedere e monitorare il bonus vacanze, e se la richiesta avrà esito positivo, sul proprio smartphone arriverà la conferma dell’importo massimo e la doppia opzione tra sconto immediato e detrazione. L’app Io Italia genererà infine il codice univoco e il Qr da comunicare in struttura all’atto del pagamento.