Finto bocconiano, brillante e ladro di appartamenti: arrestato il 27enne "dottor K"

Silvia Renda
·2 minuto per la lettura
(Photo: Klodian Nikolli)
(Photo: Klodian Nikolli)

Esibiva un falso diploma di laurea in Economia politica alla Bocconi, conseguito apparentemente con il massimo dei voti. La sua dialettica, i suoi modi garbati, il suo aspetto elegante conquistavano la fiducia di chi aveva a che fare con lui, di chi gli apriva le porte di case lussuose, che poi lui svaligiava. Klodian Nikolli, 27 anni e origini albanesi, ladro di appartamenti, ribattezzato “dottor K”, è stato arrestato a Milano, dopo tre mesi di latitanza.

La vicenda ha avuto inizio a settembre dello scorso anno, quando la polizia ha iniziato a seguire il caso. A febbraio era stato messo ai domiciliari, ma era poi sparito. Si legge sul Corriere della sera:

Nella casa alla periferia Nord, Nikolli esibiva orologi di lusso, quadri di pittori del Novecento, anelli con diamanti. Tutta roba rubata nelle abitazioni di Milano, dov’era entrato forte dell’abilità di scassinatore, della forma fisica (quotidiani allenamenti alla Virgin), e forte dell’apparenza da insospettabile: capelli ordinati, volto pulito, giacca e cravatta, eloquio e cortesia. Poteva mai essere un ladro? Sì. Per buona pace delle studentesse con le quali simultaneamente s’è fidanzato soltanto per esplorare appartamenti di lusso.

L’arresto è giunto a termine di un inseguimento, mentre il 27enne si trovava a bordo della sua Mercedes, nella quale è stato riconosciuto da un agente.

È nato l’inseguimento, con tratti in contromano, poi Nikolli è entrato sulla Milano-Meda, ha mollato la vettura, ha attraversato a piedi rischiando di morire, ha visto un’area dismessa, s’è arrampicato sulla recinzione di due metri e saltando s’è frantumato tibia e perone. Ricovero (piantonato). Gli han domandato: ma scusa, per quale motivo hai abbandonato la macchina e non hai provato a seminarci nel traffico? Risposta: a fregarvi con la corsa c’era più gusto.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.