Fioramonti: ecologia e ambiente diventino materie scolastiche

Gal

Roma, 24 set. (askanews) - "Credo che la battaglia per un mondo sostenibile debba entrare in modo permanente nel mondo della scuola. Siamo il ministero dei giovani, abbiamo una responsabilità in più e vorrei che la scuola diventasse un grande laboratorio di innovazione. Lo sviluppo sostenibile deve entrare nella formazione a tutti i livelli". Lo dice Lorenzo Fioramonti, ministro dell'Istruzione, in un'intervista a La Stampa.

"Da un lato avremo dal prossimo settembre l'introduzione dell'educazione civica che non sarà più una sperimentazione azzardata come era stata realizzata dal mio predecessore ma avrà come cornice l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite. L'obiettivo è di formare cittadini responsabili in un mondo dove protagonisti sono l'economia circolare, la digitalizzazione, l'innovazione - spiega Fioramonti -. Dall'altro intendo innovare la didattica nelle scuole introducendo temi legati alla sostenibilità in ogni materia, dalla scienza alla storia. Vorrei che la sostenibilità diventasse il fil rouge che caratterizza la didattica nelle scuole italiane".

"Mi sono dotato di un consiglio scientifico sullo sviluppo sostenibile - ha proseguito il ministro -. Ne fanno parte persone di spicco come Enrico Giovannini, Jeffrey Sachs e Vandana Shiva. Nelle prossime settimane mi aiuteranno a sviluppare una comparazione internazionale, per fare dell'Italia un'avanguardia globale".

Lei ha chiesto tre miliardi nella prossima manovra. Se dovesse essere bocciata la sua proposta? "Darei le dimissioni, l'ho già detto e lo confermo".