Fioramonti: portare lo Stato e la scuola dove c'è disagio è un dovere

Red/Gtu

Roma, 22 ott. (askanews) - "Abbiamo il dovere di portare la presenza della Stato e degli operatori della scuola dove c'è una difficoltà", lo ha sottolineato il ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Lorenzo Fioramonti su Facebook, spiegando: "Oggi a Bari ho sottoscritto un protocollo di intesa con Roberto Fico e Alfonso Bonafede per l'avvio di un nuovo ciclo di incontri con le scuole all'interno degli istituti penitenziari minorili. Un percorso di crescita dove i valori costituzionali e il ruolo della democrazia trovano la propria centralità. Un percorso possibile solo grazie ai colleghi degli uffici scolastici regionali, ai dirigenti scolastici e ai docenti che ogni giorno lavorano a una vera e propria rivoluzione fra i banchi delle nostre scuole".

"Abbiamo il dovere di portare la presenza dello Stato e degli operatori della scuola dove c'è una difficoltà. E abbiamo il dovere di sostenere i ragazzi che hanno avuto delle difficoltà, che hanno commesso dei crimini", ha sottolineato il ministro, commentando l'intesa firmata con il presidente della Camera e il ministro della Giustizia, ricordando: "Soltanto se forniamo le condizioni e gli strumenti per il riscatto dei nostri giovani, senza esclusioni, soltanto se attraverso la scuola aiutiamo a colmare i divari insostenibili e inaccettabili di una società profondamente ingiusta, rispettiamo gli elementi principali della nostra Costituzione e della democrazia partecipativa".