Fioramonti: serve 1 mld alla ricerca, politici ascoltino scienza

Sav

Roma, 18 set. (askanews) - "Una economia moderna è legata alle capacità di innovare: senza investimenti sull'innovazione un Paese non ha futuro. La Notte europea dei Ricercatori è una opportunità: la ricerca fa bene a tutti e non esiste una separazione tra scienziati e il resto dei cittadini: la scienza è un elemento emancipativo per tutta la società, è una opportunità per tutti. Faremo in modo che la scienza più innovativa sia al centro delle decisioni politiche: i politici devono ascoltare la scienza, soprattutto oggi sulle questioni del cambiamento climatico". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti, presentando al Miur l'edizione 2019 della Notte europea dei Ricercatori.

"Chiedo più risorse per la ricerca: mi sono impegnato - ha ricordato il ministro - per avere maggiori finanziamenti per le università, la ricerca e il mondo delle accademie e dei conservatori e ho quantificato in almeno un miliardo i fondi pubblici che servono per cominciare a rilanciare la ricerca e la formazione in questo Paese. Non è semplicemente una questione di recupero di finanziamenti perduti in passato: con questo finanziamento aggiuntivo non riusciremmo ad arrivare neanche ai livelli del 2008. Ma è anche perchè la ricerca e la formazione sono il segreto dello sviluppo economico di un Paese: se non investiamo in questo settore non riusceremo a fare nient'altro".

"Io credo fortemente nella citizen science, non solo perchè è una bellissima manifestazione di un modello scientifico moderno e contemporaneo, è una realtà dei fatti, ma anche perchè storicamente sempre la scienza ha fatto passi da gigante quando tutti, esperti e non, hanno fatto degli sforzi collaborativi. Quella dello scienziato solo nel laboratorio è una visione edulcorata del passato: la scienza ha fatto sempre degli sforzi collaborativi, è un cammino di curiosità e la genialità può essere ovunque. Il bravo scienziato è quello capace di collaborare con reti ampie di persone che utilizzano la propria creatività per riuscire a rispondere ai problemi della collettività", ha concluso Fioramonti.