Fiore e Castellino i leader di Forza Nuova arrestati per l'assalto alla Cgil

·2 minuto per la lettura

AGI - Sono 12 le persone arrestate dalla polizia di stato nella notte per gli scontri di sabato al corteo No-Vax e no Greem Pass.

Ci sono anche Roberto Fiore e Giuliano Castellino: No-Vax, contrari al Green Pass, intolleranti e, soprattutto, fascisti. Dichiaratamente fascisti.

Roberto Fiore e Giuliano Castellino sono rispettivamente segretario nazionale e leader romano di Forza Nuova.

La storia di Fiore e Castellino si intreccia con la nascita di Forza Nuova, il movimento di estrema destra conosciuto per le manifestazioni e gli scontri con la polizia, ma assente alle urne dove negli anni è andato incontro a una sconfitta dietro l'altra fino alla decisione più naturale: smettere di candidarsi.

La storia di Fiore, 62 anni compiuti ad aprile scorso, parte da lontano: è uno dei fondatori di Terza Posizione, successivamente uomo d'affari a Londra e poi, una volta tornato in Italia, padre e leader proprio di Forza Nuova.

Una figura da sempre molto controversa quella di Fiore, tanto che stampa e tv avevano dedicato un servizio su come sarebbe nato il suo business capace di fatturare 30 milioni l'anno.

In piena emergenza Covid-19, Forza Nuova è salita alla ribalta anche per la manifestazione annunciata durante la domenica di Pasqua per protestare contro il divieto di celebrare le funzioni religiose a cause delle misure restrittive.

Ed è proprio nel movimento di estrema destra, fondato nel 1997, che Fiore lega con Giuliano Castellino, 44 anni, destinato, molto probabilmente, ad essere l'erede.

Oggi Castellino è il leader della protesta contro il certificato verde o, come lo chiamano i militanti in maniera dispregiativa, il lasciapassare. A gennaio era stato destinatario di una sorveglianza speciale proprio per alcune azioni violente durante le manifestazioni contro il lockdown.     

Castellino era in piazza del Popolo a manifestare anche il 14 e il 28 agosto scorsi. A settembre a Castellino era stato notificato un Daspo per gli eventi sportivi. Il primo settembre era entrato allo stadio Olimpico per una partita della Roma sottoponendosi al test del tampone per avere il Green pass. Ha ricevuto altri due Daspo nel 2017 e nel 2018.

"Siamo 100 mila. Oggi fermiamo il certificato verde. La forza della piazza contro la tirannia sanitaria, la forza della gente contro le emergenze inventate", aveva detto all'AGI Castellino poco prima delle tensioni. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli