Forza Nuova, Fiore: "No a dittatura sanitaria, pronti a disobbedienza"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura
Forza Nuova, Fiore: "No a dittatura sanitaria, pronti a disobbedienza"
Forza Nuova, Fiore: "No a dittatura sanitaria, pronti a disobbedienza"

''Siamo contrari a questa dittatura sanitaria e siamo pronti alla disobbedienza per quanto riguarda le norme e le imposizioni del lockdown, che sono totalmente illegali''. Lo sottolinea all'Adnkronos il leader di Forza Nuova Roberto Fiore parlando delle manifestazioni di ieri a Napoli. "Ieri in piazza a Napoli c'era il popolo e noi siamo dalla parte del popolo napoletano in quest'ora gravissima - afferma - decine di migliaia di persone rischiano di andare rapidamente verso la fame se non si blocca il lockdown".

GUARDA ANCHE - De Luca annuncia: “Serve un lockdown”

"Molti nostri simpatizzanti probabilmente avranno partecipato alle manifestazioni ma non è quello il punto - spiega - Noi esprimiamo una posizione molto chiara, anomala rispetto al quadro politico ma generalizzata. La nostra presa di posizione non riguarda solo ieri sera ma tutto il movimento che si sta sviluppando contro il lockdown e contro De Luca. Abbiamo in programma altre manifestazioni nei prossimi giorni a Roma e in tutta Italia".

"Ho visto gli attacchi di Crosetto e di Calenda e sono allibito dal fatto che la politica di destra e di sinistra concentri i propri commenti al 'mettiamoli tutti in carcere' - aggiunge Fiore - Hanno perso completamente il contatto con il popolo e non solo con quello napoletano. Vogliono mettere tutti quelli che protestano contro il lockdown in carcere. Stiamo parlando di tutti i partiti e quindi è in questo senso che si realizza la dittatura sanitaria".

Quanto agli episodi di violenza Fiore precisa che "come partito politico noi siamo sempre rispettosi di un quadro generale di legge ma allo stesso tempo siamo pronti alla disobbedienza per quanto riguarda le norme del lockdown, che sono totalmente illegali, anticostituzionali e antipopolari. Per questo riteniamo che sia giusto non rispettarle".

GUARDA ANCHE - Guerriglia a Napoli