Fiorella Mannoia sul caso Pillon-Maneskin: "Spettacolo in aula indegno"

·1 minuto per la lettura
Fiorella Mannoia
Fiorella Mannoia

Ospite del talk Programma con Claudia Rossi e Andrea Conti, Fiorella Mannoia è intervenuta in merito al botta e risposta avuto dal senatore leghista Simone Pillon e i Maneskin a proposito del DDL Zan.

Fiorella Mannoia contro Pillon

Anche Fiorella Mannoia si è espressa in merito al DDL Zan e nel talk di Claudia Rossi e Andrea Conti ha preso le parti dei Maneskin che, nelle ultime ore, sono stati protagonisti di una dura invettiva da parte del senatore Pillon. La cantante ha prima di tutto affermato di aver trovato imbarazzante lo spettacolo dato da alcuni esponenti della Lega in aula quando il DDL Zan è stato affossato: “Cosa c’è da urlare, da battere le mani, è stato uno spettacolo vergognoso, indegno”, ha affermato. Quanto invece alla polemica sollevata da Pillon in merito ai look sfoggiati dai Maneskin durante gli MtvEma, la cantante ha detto: “Pillon, fatte ‘na vita tua!“.

Fiorella Mannoia: il caso Maneskin e Pillon

Sui social, dopo che i Maneskin hanno trionfato agli MtvEma, il senatore Pillon si era scagliato contro il loro modo di vestire affermando: “I Maneskin a Budapest con tanto di performer (maschietto) in culottes e giarrettiere, ricevono il premio. Tra poco arriveremo al reggiseno da uomo. Ovviamente, una volta preso il microfono, non possono esimersi dal piagnisteo per la sonora bocciatura del DDL Zan. Guardandoli, mi chiedo: “dove sarebbero le discriminazioni?”. Al suo sfogo via social aveva replicato ironico il frontman dei Maneskin, Damiano David, che ringraziando i suoi fan per il calore ricevuto aveva aggiunto: “Thank you guysss we’re making history! Ps: Hai ragione Simo, la prossima volta completo e paPillon”.

Fiorella Mannoia: il DDL Zan

Fiorella Mannoia è stata tra i molti artisti che si sono mossi in prima linea per l’approvazione della legge contro l’omotransfobia. Come lei anche i Maneskin, Fedez e moltissimi altri volti del mondo della musica e dello spettacolo italiano .“Mai avrei immaginato, quando ero giovane, che alla mia età, nel terzo millennio, io mi sarei trovata qui a chiedere una legge che tuteli la libertà delle persone“, ha affermato Fiorella Mannoia, e ancora: “Non me lo sarei mai immaginata perché quando ero giovane io pensavamo che il mondo sarebbe andato a liberare e non a peggiorare. Si sta respirando un clima di odio insano, pericoloso, per cui siamo qui a chiedere per legge che la legge tuteli le donne, gli omosessuali, le minoranze, le diversità, che tuteli la libertà delle persone di essere come vogliono essere.”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli