Firenze, confermata condanna aggressione per 2 esponenti Casapound -2-

Red/Sav

Roma, 15 gen. (askanews) - Il giudice del secondo grado non ha ritenuto che il comportamento tenuto dai militanti di destra fosse di particolare tenuità, tale da giustificare una sentenza di assoluzione ex art. 131 bis, né meritevole della concessione delle attenuanti generiche.

"La Corte d'Appello conferma la sentenza di condanna di primo grado del Tribunale, prendendo una posizione netta su un episodio di particolare gravità", dice l'avvocato Bonetti, che ha difeso tutte le parti civili, ovvero i giovani della Rete degli Studenti in primo ed in secondo grado: "Attendiamo ora le motivazioni della Corte di Appello, che verranno depositate entro i prossimi 75 giorni, per conoscere l'iter logico giuridico seguito dalla Corte di Firenze".

Per Federico Allegretti, coordinatore nazionale della Rete degli Studenti Medi, "è una vittoria importante che lancia un segnale chiaro a tutti i fascisti di questo Paese in un momento in cui si rischia lo sdoganamento di atteggiamenti aggressivi e violenti da parte di organizzazioni come Casapound. Ci aspettiamo che eventi del genere non si ripetano più, la legge non è dalla parte di questi soggetti criminali. Oggi come ieri continuiamo a chiedere la che vengano sciolte e proibite tutte le organizzazioni neofasciste e neonaziste. Non c'è spazio per queste canaglie nelle nostre città".