**Firenze: crac Ccf, Cassazione 'da Verdini non mera negligenza in concessione fidi'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 apr. (Adnkronos) – “Nelle distrazioni contestate a Denis Verdini emergono una serie di costanti, che connotano la serialità/ripetitività delle operazioni, che rendono del tutto implausibile ritenere che vi sia stata una mera negligenza nella concessione di fidi nell’ambito di singoli episodi: al contrario, ad emergere è una precisa volontà dell’imputato di tenere a galla il gruppo societario, in spregio ad ogni regola prudenziale”. Lo scrivono i giudici della Quinta sezione penale della Cassazione nelle motivazioni della sentenza con cui lo scorso 3 novembre hanno resa definitiva la condanna per l’ex senatore per la bancarotta dell'ex credito cooperativo fiorentino, confermando la condanna a più di sei anni inflitta in Appello.

“Un importante e significativo indice di fraudolenza si rinviene nella ‘superficialità’ sistematica del Ccf in sede di istruttoria delle pratiche di fido – sottolineano i giudici – la banca affidava soggetti privi di merito creditizio e già notevolmente esposti con il sistema bancario, in assenza di garanzie, ovvero con garanzie irrilevanti, ma le delibere arrivavano a distanza di pochissimi giorni dalla richiesta, in assenza delle necessarie verifiche”.