A Firenze e Prato maratona di nuoto per Aisla

featured 1670516
featured 1670516

Roma, 14 nov. (Adnkronos) – Anche quest’anno si rinnova l’appuntamento con la “Vasca per Aisla”, la Maratona benefica che anima una 24 ore no stop, anche di notte. Organizzata da Firenze Nuoto Master, Cgfs e Csi Nuoto Master Prato, dalle ore 13 di sabato 19 novembre la piscina di San Marcellino “R. Dani” dell’U.S. Affrico a Firenze e quella di Mezzana a Prato accoglieranno centinaia di nuotatori. Lo fa sapere l'organizzazione con una nota.

"Tra i tantissimi presenti che si sono già assicurati il proprio slot di partenza, a partecipare alla maratona non competitiva sarà ancora una volta il campione Simone Ciulli. Con un palmares di tutto rispetto – 36 titoli e 10 record Italiani fanno da contorno alle medaglie dei giochi del Mediterraneo nel 2013, ai campionati europei di Funchal nel 2016 e a quelli di Londra nel 2019 – Ciulli è la testimonianza della celebre frase che dice che l’acqua è fatta della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni".

"Ed è questo lo spirito con i quali decine di volontari Aisla saranno presenti a Firenze e Prato. Sono volontari che ogni giorno gettano il cuore oltre gli ostacoli, per rispondere al dolore e alla fatica con l’entusiasmo, l’ambizione e la passione di chi crede che insieme è possibile cambiare la storia di una malattia come la SLA. Sono volontari che amano la bellezza della vita. Una bellezza che la SLA la mette a dura prova, non vi è alcun dubbio. Specialmente quando essere malati significa fare esperienza della totale dipendenza dagli ausili e dai presidi medici. Vuol dire dover contare sull’aiuto degli altri per ogni gesto quotidiano".

"Partecipare è ancora possibile. A fronte di una donazione minima di 10 euro, infatti, ogni nuotatore avrà libero accesso alla piscina e non sarà necessario percorrere infiniti chilometri: basteranno anche pochi metri simbolici per fare la differenza. Si potrà nuotare con maschera, occhialini, boccaglio, braccioli o pinne. Insomma… l’importante è esserci! E anche chi sarà impossibilitato a nuotare potrà passare lo stesso nelle due piscine di Firenze e Prato per contribuire alla raccolta fondi destinati ad offrire servizi alle famiglie del territorio garantire la migliore qualità di vita possibile. Lo sforzo organizzativo non è indifferente, tanto che le stesse Istituzioni, Partner e Sostenitori – oltre a darne il patrocinio – ne hanno preso parte attiva: Regione Toscana, Fin Toscana, Città Metropolitana, Comune di Firenze, Comune di Prato".