Firenze, il Nano Morgante del Bronzino ritorna a Palazzo Pitti -3-

red/rus

Roma, 21 set. (askanews) - "Le cronache ci tramandano che Braccio di Bartolo aveva una personalità complessa e arguta, carismatica e a volte anche litigiosa - spiega il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt - Fu uno dei protagonisti della vita sociale e politica della corte, molto caro a Cosimo I, di cui si festeggia quest'anno il cinquecentenario della nascita. L'installazione a Palazzo Pitti del suo ritratto dipinto da Bronzino (che di quella corte fu indiscutibilmente il massimo pittore) è dunque un'occasione insieme museografica e celebrativa. Ed è oltretutto un'operazione che salvaguarda un'opera tanto fragile dai rischi di distacco della pellicola pittorica".