Incendio sulla linea dell'Alta velocità: disagi e ritardi fino a 4 ore sulla rete.

HuffPost

Italia spezzata in due per un problema alla linea ferroviaria dell’Alta velocità. Alle 5.40 è infatti stata sospesa, per poi riprendere intorno alle 8, la circolazione ferroviaria fra Rovezzano e Firenze Campo Marte sulle linee Direttissima e convenzionale fra Roma e Firenze per via l’incendio di una cabina elettrica dell’Alta velocità, con ampie ricadute sul traffico ferroviario tra le due città. Oltre alla cabina elettrica sarebbero stati colpiti anche altri due pozzetti.

La notizia è stata data da Rfi. ”È in corso - prosegue la nota - la riprogrammazione del traffico ferroviario. Sul posto sono presenti le squadre tecniche di Rfi”.

Rfi fa sapere che l’incendio è stato causato “da un atto doloso a opera di ignoti”.  Tra le piste possibili c’è anche quella di un’azione dimostrativa, collegabile al processo in corso al tribunale di Firenze contro 28 persone, la maggioranza delle quali collegabili all’area anarchica. I giudici dovrebbero pronunciare la sentenza tra alcune ore.

VIDEO - Salvini a Rovezzano. “Non è attacco allo Stato ma danno ai lavoratori”

VIDEO - Caos treni, il passeggero: “Ho visto il ritardo e stavo per svenire”

Segnano ritardi fino a quattro ore i treni dell’alta velocità in partenza da Milano per il Sud. È di 240 minuti il ritardo segnalato nel treno 9975 Italo da Milano a Roma Termini delle 8:15, mentre tre ore di ritardo il Frecciarossa 9509 per Napoli centrale delle 7:20.

Treni nel caos: a Milano Centrale ritardi fino a 220 minuti

Caos anche alla stazione Termini di Roma. Confusione, sconforto e rabbia tra i passeggeri in partenza dallo scalo romano. I ritardi, si apprende dalla polfer, hanno toccato le tre ore, ma ora pian piano la situazione starebbe migliorando.

 VIDEO - L’attesa di pendolari e turisti a Termini (Roma)

Nell’aggiornare la situazione, Rfi spiega che “al momento i ritardi medi sono di
180 minuti, con punte di 240. Sono stati inoltre cancellati 42 treni AV, sia di Trenitalia sia di...

Continua a leggere su HuffPost