Firenze, nuova luce sui Prigioni, i capolavori non finiti di Michelangelo

(Adnkronos) - Una nuova perfetta illuminazione nella galleria dei Prigioni accoglierà i visitatori: in poco meno di un mese la Galleria dell'Accademia di Firenze ha concluso il rinnovo degli impianti illuminotecnici di questo ambiente del museo, celebre per ospitare i quattro capolavori "non-finiti" di Michelangelo. I lavori, svolti senza pregiudicare l'accesso al pubblico transennando di volta in volta le aree interessate, hanno permesso di installare nuovissimi proiettori Led, in grado di garantire finalmente una luce ideale a tutte le opere.

"Il nuovo apparato illuminotecnico nella galleria dei Prigioni - dichiara Cecilie Hollberg, direttrice della Galleria dell'Accademia - si inserisce nell’ambito dei grandi cantieri di ristrutturazione, manutenzione, riallestimento, illuminazione e climatizzazione che riguardano tutto il Museo dal 2019 e che oggi sono giunti quasi a conclusione. Dopo le sale del Duecento e del primo Trecento, completamente rinnovate e riaperte all’inizio del 2022, è infatti stata la volta del Transetto prima e della zona che accoglie le sculture di Michelangelo poi. Adesso, all’appello, manca soltanto la Tribuna del David, cuore del museo, che ben presto sarà visibile in tutto il suo splendore sotto una nuova sorgente di luce".

La nuova illuminazione consente adesso di ammirare appieno tutte le opere conservate nella Galleria dell'Accademia, che, dagli apprezzamenti del pubblico, fanno concorrenza allo stesso David di Michelangelo.

Per la realizzazione degli interventi, le imponenti sculture del Buonarroti e i dipinti su tavola che si trovano alle pareti sono stati messi in sicurezza grazie a strutture in legno realizzate ad hoc, che hanno salvaguardato le opere da accidentali cadute di materiale dall'alto, lasciandole però interamente visibili. L’ultima fondamentale fase dei lavori ha visto, proprio nei giorni scorsi, procedere al posizionamento dei Led prestando particolare attenzione alla corretta fruizione e lettura di ciascuna statua.

Il nuovo impianto è mirato al risparmio e all’efficienza energetica, attraverso l’utilizzo di tecnologie di ultima generazione a Led. Il progetto è stato curato, come sponsor, da Enel X, la business line del Gruppo Enel dedicata a illuminazione pubblica e artistica, servizi digitali e innovativi e rientra in un intervento più ampio che riguarda altri ambienti del museo.

"I cantieri che negli ultimi due anni hanno interessato la Galleria dell’Accademia testimoniano l'impegno profuso verso il Mic - Ministero della Cultura, nel favorirne la migliore fruizione possibile non solo nell'immediato ma anche alle future generazioni", sottolinea Hollberg.

(di Paolo Martini)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli