Firenze,trovati 52 condannati per mafia con reddito cittadinanza

Red/Gca
·1 minuto per la lettura

Roma, 27 lug. (askanews) - La Guardia di Finanza di Firenze, nel corso delle attività di monitoraggio, prevenzione e contrasto dell'infiltrazione della criminalità organizzata nel tessuto economico e sociale, ha esaminato le posizioni economiche dei soggetti condannati o sottoposti a misure cautelari per delitti di elevato impatto sociale, fra i quali quelli relativi al crimine organizzato di stampo mafioso, al traffico di sostanze stupefacenti, rapina e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Gli accertamenti eseguiti durante la fase di lockdown emergenziale sono stati finalizzati a riscontrare i requisiti per ottenere il beneficio reddituale da parte dei soggetti a vario titolo condannati, identificando contestualmente anche le fonti di sostentamento economico. L'elaborazione dei dati, ha portato all'individuazione di numerosi soggetti che, omettendo di indicare nelle domande di richiesta del Reddito di Cittadinanza la condanna per gravi delitti, per cui è inibito l'accesso alla misura di sostegno economico, hanno indebitamente percepito il beneficio assistenziale. Sono stati così segnalati 52 soggetti all'INPS, tra richiedenti il beneficio e loro familiari, che presentavano una connessione con il territorio, nei confronti dei quali saranno avviate le procedure di recupero delle somme percepite.