Fisco: Assolombarda, stabile la pressione nel 2020

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 13 lug. (Adnkronos) – Nel 2020 gli importi medi pagati da un’impresa localizzata in uno dei 283 Comuni oggetto del monitoraggio sulla fiscalità locale, elaborato da Assolombarda, mostrano una sostanziale stabilità rispetto a quelli pagati nel 2019: (+0,2% sia per i capannoni che per gli uffici). Il Rapporto sulla fiscalità locale, promosso da Assolombarda e giunto alla sua nona edizione, sottolinea anche l’enorme disparità esistente tra l’imposizione della tassa dei rifiuti (TARI), nei comuni più cari rispetto a quelli meno cari: dove l’imposizione è più forte sia gli uffici che i capannoni pagano 13 volte di più rispetto a quelli meno cari. Differenze che rischiano di costituire uno scollamento, nella competitività, anche tra imprese in territori limitrofi. E’ quanto emerge dal Rapporto, promosso da Assolombarda, che esamina la pressione fiscale esercitata dai Comuni della Città metropolitana di Milano e delle province di Lodi, Monza e Brianza e, per la prima volta, anche di Pavia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli