Fisco, bozza dl cuneo fiscale: taglio da 2,9 Mld dal primo luglio

Luc

Roma, 23 gen. (askanews) - Il decreto legge per il taglio del cuneo fiscale vale 2.943 miliardi in termini di cassa sul 2020. È quanto si legge nella Relazione tecnica nella bozza del provvedimento che arriva al Consiglio dei Ministri convocato per stasera alle 21. La norma in esame dispone in via sperimentale, per le prestazioni rese dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2020, una somma a titolo di trattamento integrativo ai percettori di redditi di lavoro dipendente e introduce, per lo stesso periodo, un'ulteriore detrazione per redditi di lavoro dipendente.

Il trattamento integrativo spetta nella misura di 600 euro se il reddito complessivo non è superiore a 26.600 euro. L'intervento normativo si applica limitatamente alle prestazioni rese dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2020, in attesa di una revisione degli strumenti di sostegno al reddito.

Il decreto riconosce una ulteriore detrazione, rapportata al periodo di lavoro effettuato nel semestre dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, ai percettori di redditi di lavoro dipendente e di taluni redditi assimilati. L'ulteriore detrazione spetta nella seguente misura: a) 600 euro se il reddito complessivo è superiore a 26.600 euro ma non a 28.000 euro; b) per redditi superiori a 28.000 euro ma non a 35.000 euro l'importo di 600 euro decresce linearmente fino a raggiungere un valore di 80 euro mensili; c) per redditi superiori a 35.000 euro l'importo di 480 euro continua a decrescere linearmente fino ad azzerarsi al raggiungimento di un livello di reddito pari 40.000 euro.