Fisco, Giacomoni (Fi): aumenti Iva selettivi? No discriminazione

Pol-Afe

Roma, 26 set. (askanews) - "Il governo Conte gioca con le parole e con i risparmi degli italiani. Le tasse per abbellirle le definisce di scopo e per giustificare gli aumenti dell'Iva li definisce selettivi. Aumentare l'Iva dal 4% al 10% o dal 10% al 22% significherebbe rendere molto più cari tanti prodotti, tra cui quelli alimentari, acquistati dalle famiglie e da chi ha redditi bassi. Più che di aumenti selettivi si tratterebbe di una discriminazione selettiva ai danni di famiglie, aziende e piccoli esercizi commerciali". Lo dichiara in una nota Sestino Giacomoni, vicepresidente della Commissione Finanze alla Camera di Forza Italia.

"Gli aumenti selettivi dell'Iva e le tasse di scopo - prosegue il membro del coordinamento di presidenza di Forza Italia - sono figli della stessa politica economica, quella del 'tassa e spendi', tanto cara alla sinistra. Forza Italia farà tutto quanto possibile per evitare che il governo giallo rosso commetta questi errori devastanti per il Paese".