Fisco, Lega: assurdi limiti a regimi forfettari

Pol/Vlm

Roma, 15 gen. (askanews) - "Il Governo delle tasse continua la sua assurda guerra contro i professionisti e le partite iva trattandoli come evasori. Nella legge di bilancio Pd, Iv e 5Stelle hanno re-introdotto requisiti penalizzanti per l'accesso al regime forfettario che la Lega aveva eliminato lo scorso anno". Così la senatrice leghista Erika Stefani, prima firmataria dell'interrogazione parlamentare presentata al ministro dell'economia e sottoscritta da tutti i componenti leghisti della commissione giustizia che chiede la revisione dei nuovi requisiti che prevedono che per rimanere all'interno del regime forfettario e usufruire dell'aliquota agevolata non si possano superare i 20.000 euro di spesa per il personale dipendente e per i collaboratori, e i 30.000 euro di reddito da lavoro dipendente o da pensione.

"E' assurdo! Gualtieri si dimostra lontano anni luce dalla realtà. Il governo dovrebbe incentivare il lavoro autonomo spesso rappresentato da giovani a inizio carriera, da neo laureati, da piccoli professionisti che lottano per difendere la propria attività e invece sancisce la loro morte. Il mondo reale, caro ministro, non è quello dorato dei palazzi europei farebbe bene - conclude Stefani - a farci un salto ogni tanto".