Fisco, Sbarra (Cisl): riforma parta da sostegno a fasce deboli

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 30 mag. (askanews) - "Bisogna ripartire dai più deboli, sostenendo in questa fase difficile salari ed assegni pensionistici medio - bassi che sono i più falcidiati dall'inflazione. Dobbiamo redistribuire in manierea equa le risorse, cominciando da quelle persone e quelle famiglie che contribuiscono al gettito Irpef per il 94,8% e che hanno la più alta propensione al consumo, sapendo che oltre l'80% delle nostre imprese lavora per il mercato interno. Questa deve essere la priorita' della nuova riforma fiscale". Lo ha detto oggi a Milano il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra, intervenedo all'iniziativa di Italia Viva sulla riforma fiscale.

"Il Governo deve aprire il confronto con le parti sociali perché l'attuazione della delega fiscale non può essere discussa solo a livello politico, ma ha bisogno del un necessario ampio consenso sociale attraverso il dialogo ed il coinvolgimento anche del sindacato - ha aggiunto il leader Cisl - Bisogna abbassare in maniera strutturale l'Irpef per lavoratori e pensionati ed innalzare la no tax area alle fasce deboli".

"Accanto a questo - ha proseguito Sbarra - è necessario estendere e rafforzare le detrazioni fiscali. Ma noi soprattutto chiediamo la detassazione dei frutti della contrattazione di secondo livello, nel pubblico e nel privato, in particolare degli accordi di welfare e produttività che vanno depurati dal vincolo di incrementalità, premiando le imprese che investono su occupazione, ricerca e formazione. E poi bisogna fare una guerra senza quartiere all'evasione e all'elusione, su cui il Governo Renzi tanto ha fatto, ma su cui tanto resta ancora da fare, con quasi 100 miliardi di euro sottratti ogni anno alla collettività".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli