Fisco: tributaristi, prorogare presentazione del 10 settembre ai fini richieste contributi

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 ago. (Labitalia) – "Bene ribadire la necessità di prorogare la presentazione delle dichiarazioni dei redditi per avere il diritto di presentare la richiesta di contributi a conguaglio, calcolati sulle perdite reddituali". Il presidente dell’Istituto nazionale tributaristi (Int), Riccardo Alemanno, condivide l’ulteriore richiesta di rinvio della scadenza sollecitata da Massimo Miani presidente del Cndcec (Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili), scadenza ad oggi fissata al 10 settembre e di cui il vertice dei dottori commercialisti richiede il rinvio al 31 ottobre.

“Già dall’8 giugno avevamo evidenziato tale necessità poi ribadita alle Commissioni finanze di Camera e Senato ed al Mef con una lettera del 10 giugno, la richiesta era ed è motivata anche dalle ulteriori complicazioni burocratiche a causa dei dati richiesti sugli aiuti Covid" dichiara Alemanno".

"Avevamo anche suggerito – puntualizza – un emendamento al decreto sostegni bis con lo spostamento al 30 settembre per non ritardare eccessivamente le procedure per l’avvio delle richieste di contributi, ma vista ad oggi la mancanza di indicazioni ministeriali in merito anche il 30 settembre potrebbe essere un termine restrittivo, per cui si deve assolutamente spostare la scadenza originaria ad ottobre valutando una data che non penalizzi l’erogazione dei contributi agli aventi diritto".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli