Fitto: con Conte e Emiliano fiera Levante diventa fiera trasformismo

Pol/Bac

Roma, 14 set. (askanews) - "Dopo aver ascoltato attentamente i discorsi del premier Conte e del governatore Emiliano mi sono convinto che quella che è stata inaugurata oggi non è la Fiera del Levante, ma la Fiera del Trasformismo: lo scorso anno Conte era qui alla guida di un Governo M5s-Lega, quest'anno come se niente fosse si è presentato alla guida di un Governo M5S-PD con un discorso 'progressista'… Così come quelli che l'anno scorso lo contestavano, oggi gli battevano le mani. Un discorso, quello del premier, che chiaramente ha risentito fortemente di questo trasformismo: il richiamo continuo e genuflesso all'Europa è il vero campanello di allarme per l'Italia, che dà il segno su cosa sarà il Conte bis". Lo afferma in una nota il co-presidente del gruppo europeo Ecr-Fratelli d'Italia, Raffaele Fitto.

"Ma con il presidente Emiliano la Fiera del Trasformismo è diventata la Fiera dell'Ipocrisia: un discorso che - aggiungeracconta una Puglia che purtroppo non c'è e che raggiunge l'apice sulla Xylella e sull'Agricoltura dove anziché tacere o al massimo 'chiedere scusa' essendo lui il principale responsabile del disastro, scarica le colpe su tutti gli altri e non spende una parola su un settore che rischia a fine anno di perdere oltre 160 milioni di euro del PSR".

"Oggi più che mai, quindi, il centrodestra a Roma come a Bari ha il dovere di essere unito per dar vita una valida e vera alternativa sia al Governo Conte sia al Governo Emiliano", conclude.