Fiume interrato ad Avellino solleva piazza di S.Martino Valle Caudina

fiume interrato Avellino

Durante le festività natalizie un grande anticiclone di origine sub-tropicale arrivato sull’Italia ha garantito sole e temperature sopra la media in quasi tutto il Paese. Fino a Santo Stefano il tempo è rimasto stabile e ampiamente soleggiato. Nubi sparse al Sud e solo qualche pioggia tra Calabria e Sicilia. Nel weekend, tuttavia, si assisterà a un netto ribasso delle temperature. Infatti, sabato 28 dicembre 2019, correnti di origine polare investiranno il nostro Paese, in particolare, secondo gli esperti, l’Adriatico centro-meridionale. Si prevede bel tempo anche per l’ultimo giorno dell’anno. Nel frattempo però, non mancano le ultime code del maltempo: a Natale a Venezia l’acqua ha raggiunto i 139 cm. Inoltre, è stata approvata in Consiglio comunale a Napoli una mozione per richiedere all’amministrazione “di attivare le procedure formali per il riconoscimento dello stato di calamità naturale per l’intero territorio comunale”. A Napoli un uomo ha perso la vita schiacciato da un albero caduto a causa del maltempo e un fiume interrato ad Avellino è esploso e ha sollevato la piazza.

fiume interrato Avellino

Fiume interrato ad Avellino: i danni

I problemi erano emersi già nei giorni precedenti a Natale. Poi il disastro a Santo Stefano. Le forti piogge che si sono abbattute negli ultimi giorni nell’avellinese hanno sollevato un fiume interrato a San Martino Valle Caudina. Le telecamere di videosorveglianza hanno ripreso l’accaduto che ha devastato il piazzale, causando danni ingenti. Sembrerebbe che il sollevamento del fiume sarebbe stato causato da una frana staccatasi dal monte Pizzuto, in zona Vallicelle, in quella stessa zona devastata da una disastrosa alluvione vent’anni fa.

fiume interrato Avellino

Il fiume Caudino, in parte interrato, si è sollevato e ha così innalzato l’asfalto. A causa dei molti danni, si è registrato persino un incidente automobilistico. Poi la crepa si è aperta e il torrente, misto a terreno e fango, ha invaso le strade. Diverse automobili sono state trasportate via dalla corrente e l’esondazione ha costretto all’evacuazione 300 residenti. Si stimano 5 milioni di euro di danni.

fiume interrato Avellino

Il sindaco di San Martino Valle Caudina ha chiesto lo stato di calamità. Vincenzo De Luca ha raggiunto nelle ore successive la zona, annunciando lo sblocco immediato di 400mila euro per mettere in sicurezza la montagna franata. Disposti anche 200mila euro per le famiglie e i commercianti gravemente danneggiati dal maltempo e dall’esondazione del torrente. Fortunatamente non si sono registrate vittime. Solo una donna è rimasta ferita. Una caduta, infatti, le ha provocato una frattura al braccio.