Fiumicino, secondo esercizio commerciale sigillato per covid

coronavirus locale chiuso fiumicino

A Fiumicino è stato chiuso anche un secondo locale, un chiosco bar in cui è risultato positivo un dipendente del Bangladesh. Secondo quanto riporta in un comunicato l’Asl RM3, i positivi sono 8 al momento. Su Facebook il sindaco invita tutti i clienti dei due locali coinvolti a effettuare i tamponi nel breve tempo possibile.

Fiumicino, altro locale chiuso

Nel giro di pochi giorni, a Fiumicino un altro locale ha chiuso i battenti, in seguito alla positività al coronavirus di un dipendente del Bangladesh di un chiosco bar.

Secondo il bilancio dell’Unità di Crisi del Lazio salgono a 8 i positivi: “La Asl Roma 3 ha disposto la chiusura di un secondo ristorante a Fiumicino a causa della positivita’ del titolare di entrambi i locali. Dei 400 tamponi eseguiti ieri al drive-in di Casal Bernocchi, 8 sono risultati positivi: 2 titolari del locale, 2 dipendenti e 4 conviventi del paziente del Bangladesh ricoverato ieri allo Spallanzani“.

Il comunicato dellAsl RM3 raccomanda a tutti i titolari dei vari locali di conservare i contatti della clientela, per facilitare poi il tracciamento ed evitare sanzioni pesanti. Inoltre, avverte che la struttura continua a monitorare la situazione epidemiologica, con frequenti tamponi.

L’appello del sindaco

Il sindaco del paese Esterino Montino ha lanciato un appello ai clienti dei due locali: “Ricordo che chi fosse andato nei due locali dal 21 giugno scorso deve recarsi al drive-in per sottoporsi al tampone“.

Infine rinnova l’appello a tutti gestori dei locali per la registrazione dei clienti: “L‘elenco dei clienti è uno strumento fondamentale per risalire a tutte le persone entrate in contatto con chi dovesse risultare positivo”.